Serie: Pier Paolo Pasolini sul cinema

Vai alla lista delle serie pubblicate su Medium
Vai ai film della serie “I film Pier Paolo Pasolini nella critica del tempo”

Una scena di “Accattone” con l’immancabile campo lungo sulla strada, epitome della realtà.

“Il cinema è la lingua scritta della realtà”

Pier Paolo Pasolini

Interventi pubblicati:

Bernardo Bertolucci su Pier Paolo Pasolini, 8 maggio 2021, 3 minuti

Pasolini sull’arte cinematografica

Cinema e letteratura. Appunti dopo Accattone, (1961) 21 febbraio 2021, 6 minuti

Cinema di Poesia (1965), 20 febbraio 2021, 30 minuti

La sceneggiatura come «struttura che vuol essere altra struttura» (1965), 21 febbraio 2021, 15 minuti

Cinema: La lingua scritta della realtà, (1966), 22 febbraio 2021, 26 minuti

Osservazioni sul piano-sequenza, (1967), 22 febbraio 2021, 8 minuti

Il cinema e la lingua orale (1970), 22 febbraio 2021, 5 minuti

Sul doppiaggio (1970), 22 febbraio 2021, 6 minuti

L’evoluzione della mia poetica fotografica (1970), 22 febbraio 2021, 5 minuti

La musica nel film (1970), 22 febbraio 2021, 5 minuti

Su i suoi film:

Pier Paolo Pasolini su Accattone, 25 febbraio 2021, 5 minuti

Pier Paolo Pasolini su Mamma Roma, 25 febbario 2021, 12 minuti

Pier Paolo Pasolini su Il Vangelo secondo Matteo, 27 febbraio 2021, 11 minuti

Pier Paolo Pasolini su Uccellacci e uccellini, 28 febbraio 2021, 34 minuti

Pier Paolo Pasolini su Edipo Re, 1 marco 2021, 12 minuti

Pier Paolo Pasolini su Teorema, 4 marzo 2021, 12 minuti

Pier Paolo Pasolini su Porcile, 6 marzo 2021, 6 minuti

Pier Paolo Pasolini su Medea, 6 marzo 2021, 6 minuti

Pier Paolo Pasolini su Decameron, 9 marzo 2021, 8 minuti

Pier Paolo Paolini su I Racconti di Canterbury, 9 marzo 2021, 12 minuti

Pier Paolo Pasolini su Il fiore delle mille e una notte, 9 marzo 2021, 4 minuti

Pier Paolo Pasolini su Salò e le 120 giornate di Sodoma, 9 marzo 2021, 43 minuti

Laureatosi in storia a Firenze nel 1977, è entrato nell’editoria dopo essersi imbattuto in un computer Mac nel 1984. Pensò: Apple cambierà tutto. Così è stato.

Laureatosi in storia a Firenze nel 1977, è entrato nell’editoria dopo essersi imbattuto in un computer Mac nel 1984. Pensò: Apple cambierà tutto. Così è stato.