Serie: L’etica pratica di Peter Singer

Vai alla lista delle serie pubblicate su Medium

Image for post
Image for post
Particolare della Notte stellata di Vincent Van Gogh

Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale dentro di me.

Immanuel Kant

Articoli pubblicati:

Gli scimpanzè sono personev di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Quale pronome possessivo per la mucca?, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Una tesi etica per il veganismov di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Che ben venga la carne in vitro, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Le uova etiche degli europei, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Il pasto del Ringraziamento non è etico, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Se i pesci potessero gridare il loro dolore, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

La lotta alla caccia alle balene discrimina altre culture?, di Peter Singer, 26 novembre 2019, 3 minuti

Presentazione

Ricerca su Google, fai acquisti su Amazon, condividi un post su Facebook e, dopo un po’, l’algoritmo invisibile che permea questi siti inizierà subdolamente a compiacerti con offerte e proposte allettanti. Algoritmi come questi sono stati pensati per servire dei contenuti che piacciono alla gente e possono creare in chi li riceve la falsa sensazione di vivere in un mondo virtuale nel quale i propri valori e i propri desideri sono compresi ed esauditi.

Chi desideri uscire da questo rassicurante e posticcio guscio, non può che accogliere con sollievo indicazioni di natura etica con le quali valutare e misurare i propri comportamenti. Poche persone sono più qualificate di Peter Singer a fare questo lavoro. Peter Singer è un filosofo morale e professore di bioetica alla Princeton University. Liberazione animale, uno dei primi libri di Singer, è considerato il manifesto intellettuale del movimento per i diritti degli animali. Salvare una vita si può, il libro che propone degli standard etici minimi per le donazioni e l’attività di beneficenza, è stato menzionato da Melinda Gates in una intervista sul progetto “Giving Pledge”, una campagna che cerca di sensibilizzare i miliardari a investire la maggior parte del loro patrimonio in cause umanitarie (più di 150 hanno già aderito).

L’ultimo libro di Singer, Ethics in the Real World, è una raccolta di 82 saggi raramente più estesi di tre o quattro pagine. In questa forma costituiscono una introduzione al lavoro di un filosofo che ha fatto dell’accessibilità il suo credo. Come Singer scrive seccamente nell’introduzione:

Ho il sospetto che qualsiasi cosa non possa essere detta chiaramente non possa essere ugualmente pensata chiaramente.

Nonostante la loro brevità, questi saggi non mancano di affrontare grandi questioni morali compresa la più grande di tutte: ci possono essere delle risposte oggettivamente vere alla questione di come si dovrebbe agire? In un pezzo su “On What Matters” di Derek Parfit, un collega filosofo, Singer distilla le oltre 1400 pagine di argomentazioni in tre scarse e concorda con Parfit nel ritenere che, in verità, i giudizi morali possono essere sia veri che falsi. La maggior parte del libro di Singer, tuttavia, affronta questioni morali contemporanee come l’aborto, i diritti degli animali, l’eutanasia, il cambiamento climatico.

Forse il saggio più sorprendente e coinvolgente è un intervento inedito in cui Singer invita i lettori a rivolgere un pensiero ai poveri e negletti tacchini una volta che arriva il giorno del Ringraziamento. Il petto del tacchino standard americano è stato così gonfiato dall’allevamento selettivo che i tacchini maschi non possono più procreare perché il petto ha invaso quella parte del corpo destinata alla riproduzione. Singer descrive come i tacchini maschi sessualmente menomati siano masturbati dal personale degli allevamenti e le femmine inseminate artificialmente con tubi ad aria compressa al ritmo di una ogni 12 secondi per ciascun allevamento di tacchini. Singer consiglia di consumare un pasto vegetariano per il giorno del Ringraziamento o, al limite, un pasto che contempli un animale allevato umanamente, seppur più costoso.

D’accordo con lui o no, Singer pratica quello che predica. Non mangia carne da 40 anni e nel 1966 si è presentato come candidato alle elezioni Senato australiano per i verdi, senza però essere eletto. Un saggio del 2012 tesse le lodi del provvedimento dell’Unione europea che vieta gli allevamenti di polli e galline in batteria, un bando che lui ed altri avevano richiesto con proteste e sit-in a partire dall’inizio degli anni Settanta.

Comunque, pur concordando con Singer che le verità morali oggettive esistono, non possiamo dire la stessa cosa su qualcuno, anche un filosofo morale della sua statura, che possa ascrivere a se stesso il monopolio delle verità morali. Tra i migliori saggi di questa raccolta ci sono quelli che dimostrano che Singer è conscio della possibilità di potersi sbagliare. Nell’articolo Un argomento per il riso dorato egli ammette che nessuna delle disastrose conseguenze preconizzate dai verdi a proposito degli ogm si è verificata. Le colture geneticamente modificate possono avere un ruolo importante da giocare nella salute pubblica o nel nutrire il pianeta in un’epoca di cambiamento climatico. Si tratta della sana ammissione che perfino un tanto acclamato filosofo morale può alle volte sbagliare i propri giudizi.

Peter Singer, 73 anni, discendente di una famiglia ebraica di Vienna, insegna bioetica a Princeton ed è il pensatore che ha gettato le basi teoriche dell’antispecismo e ha affrontato tutti i temi contemporanei dell’etica intesa come etica pratica, etica applicata ai nostri comportamenti quotidiani. Proprio il libro, Ethics in the Real World: 82 Brief Essays on Things That Matter, che a fine agosto 2016 è uscito con la Princeton University Press, è una sorta di summa di questo secondo fronte della ricerca di Singer, l’etica applicata appunto.

Written by

Graduated in European history in Florence, he started working in publishing soon after having come across a Mac computer in 1984

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store