Lo shock dei nuovi arrivati in Texas

Legge su aborto, uso delle armi, restrizoni elettorali e questioni transgender causa di imbarazzo e attrito

Vai agli altri articoli della serie “La società liberale e i suoi nemici
Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”

Texas in prima linea

La svolta a destra ha messo il Texas in prima linea nella guerre culturali che squassano gli Stati Uniti.

Per molti imprenditori che sono affluiti nello Stato e hanno contribuito ad espanderne l’economia particolarmente negli ultimi anni, trasformando grandi città come Austin e Houston in avamposti liberal in uno stato tradizionalmente conservatore, si è trattato di una svolta sgradita.

La cosiddetta “legge sul battito cardiaco, voluta dal governatore conservatore dello stato, Greg Abbott, che ha fortemente limitato le possibilità di interrompere la gravidanza, ha coronato una politica che ha spinto il Texas molto a destra su una serie di questioni sociali delicate come le armi e il diritto di voto.

Imprese e leader politici temono che questa virata, così come la gestione della pandemia e il collasso della rete elettrica durante la tempesta artica dello scorso febbraio, minacci di allontanare il tipo di lavoratori di cui l’economia del Texas in crescita ha bisogno.

“Amo il Texas, ma sicuramente la politica qui può essere un freno”, ha affermato Ashley Fleckenstein, che dal Michigan, si è trasferita ad Austin lo scorso dicembre. La Fleckenstein è uno dei tanti giovani lavoratori attirati dall’industria tecnologica in espansione in questa città.

Guarda alle restrizioni all’aborto come particolarmente sconfortanti. Teme che le donne diventino “pedine” di un gioco politico per fidelizzare l’elettorato conservatore distraendolo dal fallimento dello Stato nel gestire la crisi energetica del febbraio 2021.

Il miracolo di Austin

Austin è una delle città più in rapida crescita negli Stati Uniti: ha una scena artistica e culturale in fermento, alloggi relativamente accessibili, nessuna tassa sul reddito delle persone e quel tipo di regime normativo rilassato che le imprese amano.

Elon Musk ha piantato la sua bandiera ad Austin, facendone la base per tutte le sue attività, dalla costruzione di batterie, ai satelliti e ai veicoli elettrici.

Altri pesi massimi della tecnologia, come Oracle e HP, hanno spostato, di recente, il loro quartier generale ad Austin. Apple e Google sono tra le imprese che investono molto denaro nella città.

Un considerevole numero dei nuovi arrivati si sono sistemati in enclave liberal per mettersi al riparo dalla politica conservatrice dello Stato. Ma la brusca svolta a destra negli ultimi mesi ha posto nuovi problemi e messo in discussione questa scelta.

Rimanere o andare?

“Vivere nella Bay Area, poi trasferirsi qui e avere questa legge [sull’aborto], è particolarmente scioccante”, dice la signora Fleckenstein.

La legge sull’aborto vieta l’interruzione della gravidanza una volta rilevata attività cardiaca nel feto che, di solito, avviene intorno alla sesta settimana di gravidanza, prima che la maggior parte delle donne possa addirittura sapere di essere incinta. È una delle leggi più restrittive degli Stati Uniti.

L’amministrazione Biden sta lavorando per rovesciare la legge, ma il Texas si è messo in prima linea nella spinta dei conservatori per cancellare Roe vs Wade, la storica sentenza della Corte Suprema che garantisce il diritto all’aborto in tutto il Paese.

Il parlamento del Texas negli ultimi mesi ha anche approvato nuove leggi che hanno inasprito l’accesso al voto e allentato le leggi sulle armi, insieme a diverse altre misure a lungo sostenute da gruppi della destra del partito repubblicano.

Alcune tra le più grandi aziende del Texas si sono a più riprese espresse contro l’attività legislativa spinta dai repubblicani, specialmente sulle restrizioni elettorali, ma ciò non ha fermato gli investimenti di queste aziende nello Stato, e anche le donazioni ai politici che promuovono queste leggi.

Questi ultimi, da parte loro, hanno respinto le critiche dei dirigenti d’azienda, o addirittura le hanno usate per rafforzare le loro credenziali populiste.

Le ricadute sulle imprese

Eppure, c’è preoccupazione tra alcune imprese per le ricadute di queste leggi e del quadro politico dello Stato.

“Stanno succedendo molte cose in Texas ora. Lo stiamo sentendo tutti”, Michael Dell, amministratore delegato di Dell Technologies, ha detto ai dipendenti texani della sua azienda in una nota dell’8 settembre vista dal “Financial Times”. La direzione dell’azienda sta “esaminando attentamente le implicazioni della recente legislazione sul nostro business e su di voi”, ha aggiunto.

Dell non ha menzionato la legge sull’aborto nel memo. La società non ha preso una posizione pubblica sulla questione, ma Dell ha detto che voleva che i suoi dipendenti avessero “maggiore copertura, non di meno …dove e quando ne hanno bisogno”.

Tuttavia, Marc Benioff, amministratore delegato di Salesforce, ha twittato che se i dipendenti “vogliono venire via, li aiuteremo ad uscire dal Texas”.

No! Resteranno in Texas

Abbott ha negato che la politiche dello Stato possano dissuadere le aziende e le persone dal venire in Texas.

“La gente vota con i piedi e quello che accadendo non sta affatto rallentando l’afflusso delle imprese nello stato del Texas”, ha detto Abbott alla rete televisiva CNBC dopo aver firmato la legge sulle restrizioni all’aborto. “Stanno lasciando lo stato molto liberal della California”.

Dal 2010, il Texas ha aggiunto circa 4 milioni di abitanti alla sua popolazione, secondo gli ultimi dati del censimento, più di qualsiasi altro Stato. Finora, ci sono stati pochi segnali che il flusso verso il Texas, accelerato durante la pandemia, stia rallentando.

L’afflusso di forestieri nell’ultimo decennio ha contribuito a spostare la demografia dello Stato verso una popolazione più giovane ed etnicamente diversificata, facendo accrescere le speranze dei democratici di poter vincere in Texas.

Ma Jim Henson, direttore del Texas Politics Project dell’Università del Texas ad Austin, ha detto che mentre la immigrazione potrebbe “avere qualche effetto politico in determinati hinterland”, finora non ha causato “grandi sconquassi” nell’assetto politico generale dello Stato.

Avanti tutta!

Le nuove leggi sono popolari tra gli elettori repubblicani politicamente attivi, molti dei quali vivono nelle aree rurali che circondano le città sempre più blu (il colore dei repubblicani), dove i cartelli “Keep America Great” e “Unborn Lives Matter” punteggiano il paesaggio.

Henson si aspetta che i repubblicani del Texas spingano sui temi della guerra culturale nel tentativo di aggregare questi elettori in vista delle elezioni primarie del partito. I repubblicani si sentono poco minacciati da un partito democratico azzoppato perché “colto di sorpresa” dalla dolorose sconfitte elettorali nel 2020.

Nell’immediato futuro il parlamento texano ha in programma di approvare le restrizioni alla partecipazione dei transgender negli sport giovanili e un disegno di legge per impedire l’obbligo del vaccino Covid-19 nello Stato, preparando così un altro potenziale scontro con l’amministrazione Biden.

La signora Fleckenstein dice la legge sull’aborto è deludente, ma che rimarrà in Texas.

“Ho intenzione di restare qui anche se la vita è più stressante. È una delusione vivere negli Stati Uniti e dover pensare a questo genere di cose”.

Da: Justin Jacobs, Texans find themselves on the frontline of US culture wars, The Financial Times, 13 settembre 2021

Laureatosi in storia a Firenze nel 1977, è entrato nell’editoria dopo essersi imbattuto in un computer Mac nel 1984. Pensò: Apple cambierà tutto. Così è stato.

Laureatosi in storia a Firenze nel 1977, è entrato nell’editoria dopo essersi imbattuto in un computer Mac nel 1984. Pensò: Apple cambierà tutto. Così è stato.