Le uova etiche degli europei

di Peter Singer

Via agli altri saggi della serie “L’etica pratica di Peter Singer”

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”

Image for post
Image for post
Carlo Domenici, Pollaio

Idealismo giovanile?

Quaranta anni fa, in un’affollata strada di Oxford con pochi altri studenti, distribuivo volantini per protestare contro l’uso di gabbie da batteria per le galline ovaiole. La maggior parte di quelli che prendevano i volantini non sapevano che le loro uova provenivano da galline allevate in gabbie talmente piccole che persino un singolo uccello — le gabbie normalmente ne ospitavano quattro — non poteva allungare le ali o sbatterle. Le galline non potevano camminare liberamente o depositare le uova in un nido.

Molte persone hanno plaudito al nostro idealismo giovanile, ma ci hanno detto che non nutrivano alcuna speranza di cambiare una grande industria. Si sbagliavano.

Il primo giorno del 2012, l’allevamento delle galline in tali gabbie è diventato illegale, non solo nel Regno Unito, ma in tutti i 27 paesi dell’Unione europea. Le galline possono ancora essere tenute in gabbia, ma devono avere più spazio e le gabbie devono disporre di nidi e di un palo tiragraffi. Il mese scorso, i membri del British Hen Welfare Trust hanno fornito una nuova casa a una gallina che hanno chiamato “Liberty”. Era, hanno detto, tra le ultime galline in Gran Bretagna che vivevano ancora nel tipo di gabbie al cui utilizzo ci eravamo opposti.

Un grande risultato del movimento animalista

All’inizio degli anni ’70, quando iniziò il movimento per la liberazione animale, nessuna organizzazione importante stava facendo una campagna contro l’allevamento in batteria. La Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (rspca), la madre di tutte le organizzazioni per la protezione degli animali, aveva perso molto tempo per via del suo radicalismo. Si concentrava su casi isolati di abuso e non riusciva a sfidare i metodi consolidati di maltrattamento degli animali negli allevamenti o nei laboratori. C’è voluto lo sforzo concertato dei nuovi animalisti radicali degli anni ’70 per stimolare la rspca a uscire dal suo autocompiacimento per combattere l’allevamento in batteria e altre forme di sfruttamento intensivo di animali.

Alla fine, il nuovo movimento per i diritti degli animali è riuscito a raggiungere un pubblico più ampio. I consumatori hanno risposto acquistando uova da galline allevate a terra. Alcune catene di supermercati hanno persino smesso di prendere le uova delle galline allevate in batteria.

In Gran Bretagna e in alcuni paesi europei, il benessere degli animali è diventato politicamente rilevante e la pressione sui parlamenti è aumentata.

In Europa

L’Unione europea ha istituito un comitato scientifico per indagare sulle questioni relative al benessere degli animali negli allevamenti e il comitato ha raccomandato di vietare l’allevamento in batteria, insieme ad altre forme di detenzione forzata di suini e bovini. Nel 1999 è stato infine adottato il divieto delle batterie in tutta la ue, ma, per garantire che i produttori avessero tutto il tempo necessario per eliminare gradualmente le attrezzature in cui avevano investito, la sua attuazione è stata rimandata fino al 1 gennaio 2012.

A suo merito, l’industria britannica delle uova ha accettato la situazione e ha sviluppato metodi nuovi e meno crudeli per allevare le galline ovaiole. Non tutti i paesi sono ugualmente pronti: si stima che fino a 80 milioni di galline siano ancora tenute illegalmente in gabbie da batteria. Ma almeno 300 milioni di galline, che avrebbero vissuto vite miserabili in quelle gabbie, sono ora in condizioni significativamente migliori: c’è una forte pressione sulla burocrazia europea per far rispettare il divieto ovunque e da parte di chiunque, non ultimo dai produttori di uova che già lo stanno applicando. Con il divieto delle uova in batteria, l’Europa conferma il suo posto come leader mondiale nel benessere degli animali, una posizione che si riflette anche nelle restrizioni sull’uso degli animali per testare i prodotti cosmetici. Ma perché l’Europa è così avanti rispetto agli altri paesi nella sua compassione per gli animali?

Negli Stati Uniti e in Cina

Negli Stati Uniti non ci sono leggi federali sull’allevamento delle galline ovaiole. Ma, quando il problema è stato posto agli elettori della California nel 2008, questi hanno votato in modo schiacciante una proposta che richiedeva che tutti gli animali da fattoria avessero uno spazio vitale per allungare gli arti e girarsi senza molestare gli altri animali. Ciò suggerisce che il problema potrebbe non essere tanto con i cittadini americani, ma piuttosto a livello federale; il sistema politico degli Stati Uniti consente alle industrie con grandi mezzi di influenzare le decisioni legislative.

In Cina, che insieme agli Stati Uniti confina il maggior numero di galline in allevamenti intensivi, sta cominciando ad emergere un movimento per il benessere degli animali a cui dovremmo augurare una rapida crescita e il successo.

Il divieto europeo degli allevamenti in batteria è un momento per celebrare un importante progresso nel benessere degli animali e, quindi, per l’Europa, un passo importante per diventare una società più civile e umana, una società che mostri la sua compassione per tutti gli esseri capaci di soffrire. È anche un’occasione per celebrare l’efficacia della democrazia e il successo di un’idea etica.

Si riferisce che l’antropologa Margaret Mead abbia detto: «Non dubitate mai che un piccolo gruppo di cittadini consapevoli e impegnati possa cambiare il mondo. In effetti, è l’unica cosa che sia mai accaduta». L’ultima parte potrebbe non essere proprio vera, ma la prima parte lo è sicuramente. La fine dell’allevamento in batteria in Europa è uno sviluppo meno eclatante rispetto alla Primavera araba, ma, come quella rivolta popolare, è iniziata con un piccolo gruppo di persone consapevoli e impegnate.

Written by

Graduated in European history in Florence, he started working in publishing soon after having come across a Mac computer in 1984

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store