Issey Miyake, lo stilista della maglietta nera dolcevita

Da Steve Jobs a Elizabeth Holmes: addio a un mito?

Vai agli altri articoli della serie “L’industria del computer e la sua storia

Image for post
Image for post
Elizabeth Holmes con un piccolo campione di sangue. La Holmes asseriva che il suo macchinario, Edison, poteva svolgere moltissime classi di esami sanguigni su micro-quantità di sangue prelevabili da un dito con un semplice cerotto. Si era risolta a mettersi in questa impresa per la sua fobia degli aghi. Da notare che in questo scatto pubblicitario indossa un dolcevita nero.

Magliette, felpe, cravatte …

Image for post
Image for post
Dopo le notorie felpe, Mark Zuckerberg ha iniziato a indossare delle t-shirt grigie, un capo speciale che Mark ordina a Brunello-Cucinelli, lo stilista e imprenditore umbro noto per i capi in cashmere. Si dice che Zuckerberg paghi tra i 300 e i 400 dollari ogni maglietta.

Indossare una maglietta piuttosto che un’altra può significare niente o può significare qualcosa di importante, di molto importante. Certamente per chi la indossa, ma anche per chi la osserva. Il nostro Salvini ha costruito una fortuna politica sulle felpe, indossate in ogni circostanza come strumento primario di comunicazione, che antecede addirittura i social media, di cui è il superman.

La forza politica greca Syriza, che ha governato il paese ellenico per 5 anni e si avvia al crepuscolo, vieta ai propri membri di indossare la cravatta, simbolo dell’élite politica. Consiglia una camicia con il colletto sbottonato. Un gesto di informalità che di per sé irrita i tedeschi.

Nello sfrenato mondo della tecnologia c’è l’esempio preclaro di Steve Jobs, cioè di una storia di successo, forse, senza pari. Le sue magliette nere dolcevita sono diventate un mito, quasi lo simboleggiano. Se non ci fosse la bandiera dell’ISIS tra le scatole, potrebbe essere issata sul pennone di ogni innovatore. C’era la felpa di Zuckeberg, ma Mark adesso ha preso a indossare magliette modello-Jobs.

Image for post
Image for post
Lei Jun, il capo di Xiaomi durante il lancio di un prodotto.

C’è Lei Jun, il capo di Xiaomi un unicorno cinese che vale oltre 50 miliardi di dollari, che dell’imitazione dichiarata della Apple e di Steve Jobs ha fatto il proprio modello di business. Lei Jun, sembra la controfigura di Jobs durante le presentazioni che studia minutamente da quelle del co-fondatore di Apple. Per lui copiare la Apple e Jobs non è una sorta di “reato” ma un dovere. Perché inventarsi nuovi modelli se ce n’è uno così importante?

C’è poi stata Elizabeth Holmes, la fondatrice di Theranos, una delle truffe più bieche e ributtanti nella storia dell’innovazione tecnologica in campo medico e biologico. Elizabeth aveva la sua divisa: una maglietta nera dolcevita e raramente si vedeva in giro vestita diversamente. La Holmes adesso ha preso il posto di Crudelia nel pantheon dei cattivi. E la maglietta nera è diventata la divisa dei cattivi, con il contributo anche dei pick-up dell’esercito islamico

Image for post
Image for post
Il poster HBO per il docufilm The Inventor: Out For Blood In Silicon Valley. Si sta preparando anche un film dove la Holmes sarà interpretata da Jennifer Lawrence.

Una storia speciale

HBO ha appena rilasciato il film documentario, The Inventor: Out For Blood In Silicon Valley, che ricostruisce in modo documentato le vicende di Theranos, una startup di biotecnologia della Silicon Valley e della sua affascinante e magnetica fondatrice, Elizabeth Holmes. Dopo aver raggiunto una valutazione di 10 miliardi di dollari, Theranos è implosa brutalmente al punto da trasformarsi in uno scandalo che potrebbe rivaleggiare con quello della Enron.

Sembra avere tutta l’aria di una storia, meglio congeniata di una fiction ideata da Vince Gilligan. C’è l’ambizione, l’inganno, un amore segreto, la compiacenza di politici e magnati dei media e dell’informazione, ci sono le celebrità, c’è una giovane, attraente e audace bionda, un suicidio, l’ascesa e la caduta della finanza, centinaia di milioni di dollari bruciati, la salute di migliaia di persone a rischio e la prospettiva di una lunga pena detentiva per la protagonista.

Nell’immaginario pubblico Elizabeth Holmes è sinonimo di scandalo, inganno, frode, bullismo e… Steve Jobs. Si perché la Holmes, a un certo punto, era stata dipinta come la reincarnazione del vero Steve Jobs, non solo per il suo stile manageriale, per la sua fanatica ammirazione per la Apple e il suo iconico fondatore, ma anche per le magliette nere a dolcevita (a collo di tartaruga) che la Holmes, al pari di Jobs, usava come una vera e propria divisa.

Il modello Jobs

Image for post
Image for post
La copertina dedicata dal magazine Inc. alla Holmes dopo che Theranos aveva raggiunto la valutazione di 10 miliardi di dollari.

Jonathan Kim in un articolo su Medium, Elizabeth Holmes and the Ghost of Steve Jobs, traccia un parallelo tra la “nuova Steve Jobs” e l’“autentico Steve Jobs”, mostrando la differenza fondamentale tra le due esperienze seppur accumunate da molti tratti, soprattutto per l’approccio mimetico della Holmes alla leadership e alla visione del co-fondatore della Apple. A partire dalle magliette.

Le magliette della Holmes non erano delle magliette dolcevita qualsiasi, bensì provenivano dallo stesso stilista giapponese, Issey Miyake, da cui si serviva Steve Jobs per ordini massivi.

Un un modello con girocollo di Miyake costa di 275 dollari. Al tempo di Jobs ce ne volevano 175.

Chi è Issey Miyake?

Image for post
Image for post
Issey Miyake in un ritratto dall’amico Alberto Morillas

Miyake, nato a Hiroshima nel 1938 e sopravvissuto all’olocausto atomico, è lo stilista giapponese che ha saputo, più di altri, miscelare la tradizione orientale e occidentale nella sua attività di designer innovativo di moda. È senza dubbio uno dei più famosi stilisti giapponesi nel mondo.

Ha iniziato la sua carriera alla fine degli anni ’60, lavorando con couturier come Hubert de Givenchy e Guy Laroche. Ha fondato la sua impresa nel 1970 e nel 1973 ha mostrato la sua collezione in una sfilata alle giornate della moda di Parigi.

Negli anni ’80 Miyake ha raggiunto la fama internazionale, entrando nel gruppo degli stilisti più apprezzati insieme ad altri designer giapponesi come Rei Kawakubo (di Comme des Garçons) e Yohji Yamamoto.

Nel 2005 e nel 2006 Miyake è stato insignito del Praemium Imperiale dalla Japan Arts Association ed è diventato il primo stilista di moda a ricevere il Premio di Kyoto in Arte e Filosofia alla carriera assegnato dalla Fondazione Inamori. Nel 2014 Miyake ha avuto un riconoscimento importante anche in Italia con l’ambito premio Compasso d’oro assegnatogli dall’Associazione per il disegno industriale. Lo ha vinto per la creazione della famiglia di lampade IN-EI Issey Miyake, prodotta da Artemide.

Miyake è conosciuto anche per la sua linea Pleats Please e per il suo capo A-POC (A Piece of Clothing), realizzato da una macchina industriale programmata per tessere un enorme pezzo di tessuto continuo.

Dopo la morte di Jobs nel 2011, le vendite delle magliette dolcevita sono aumentate vertiginosamente. Nello stesso anno, però, Miyake decise di ritirare il capo dalla sua linea di abbigliamento. Vi fu reintrodotto solo nel 2017 a un prezzo maggiorato.

Image for post
Image for post
Issey Miyake con le sue modelle durante la sfilata Primavera 1992 a Parigi. Da notare il dolcevita nero sotto la camicia bianca.

Steve Jobs e Miyake

Image for post
Image for post
Un giovane Steve Jobs indossa una maglietta nera paricollo con sopra il logo del NeXT, la società da lui fondata dopo l’uscita dalla Apple nel 1986 e venduta alla Apple 10 anni dopo.

La fama acquisita da Miyake si deve anche a Jobs. Secondo il biografo, Walter Isaacson l’interesse di Jobs per Miyake sarebbe nato quando l’allora presidente della Sony, Akio Morita, disse a Jobs di aver chiesto allo stilista di disegnare le divise dei dipendenti. Jobs aveva un’ammirazione straordinaria per la compagnia giapponese che citava spesso come un modello di intersezione tra arte e tecnologia. Le divise di lavoro avevano contribuito a creare un legame tra i dipendenti della Sony e la società. Jobs voleva la stessa cosa per Apple.

Incaricò quindi Miyake di creare una casacca per i dipendenti di Apple. Ma quando Jobs mostrò ai suoi alcuni campioni del capo disegnato da Miyake, capì che nessuno voleva una divisa. La cultura del lavoro dei californiani era diversa da quella dei giapponesi. Ma questo non interruppe il rapporto di Jobs con lo stilista. Scrive Isaacson:

Grazie a quell’operazione, però, Jobs strinse amicizia con Miyake, che cominciò a visitare regolarmente. Ebbe anche l’idea di procurarsi un’uniforme personale, sia per la comodità nell’uso quotidiano (la razionalità da lui tanto invocata) sia per la capacità di trasmettere un segno di stile distintivo. «Chiesi a Issey di farmi uno dei suoi dolcevita neri che tanto mi piacevano. Lui me ne confezionò cento». Notando la mia sorpresa di fronte a questo racconto, Jobs me li ha fatti vedere, impilati nel suo armadio. «Ecco che cosa indosso» ha detto. «Ne ho a sufficienza per il resto della mia vita».

Jobs pagava ogni maglietta 175 dollari a pezzo. Un prezzo neanche oggetto di una qualche trattativa, per un “bullo” dei negoziati d’affari come Jobs.

Elizabeth Holmes e Miyake

Image for post
Image for post
“The Dropout”, il podcast prodotto da ABC Radio sull’ascesa e la caduta di Theranos.

La Holmes ha più volte pubblicamente dichiarato di essere stata ispirata dalla cifra estetica di Jobs, anche nella scelta delle cose da indossare.

Stando al podcast di ABC Radio The Dropout, che narra l’ascesa e la caduta della Holmes, le magliette dolcevita non sono sempre state il capo distintivo della Holmes. Sembra che a indirizzarla verso quella scelta sia stata Ana Arriola una ex dipendente di Apple (dove la Holmes faceva shopping di risorse umane) nel raccontarle la storia di Jobs, della Sony, delle divise e del rapporto tra Jobs e Issey Miyake. Dopodiché, continua la Arriola, la Holmes si mise sulle tracce dello stilista giapponese e il resto della storia è noto. “Ha così cambiato il suo abbigliamento — conclude la Arriola– ed è stato per il meglio”.

Non è proprio la stessa versione della Holmes. In un’intervista del 2015 a Glamour ha detto che indossava i dolcevita neri fin dall’infanzia.

Mia madre mi ha fatto un dolcevita nero quando avevo otto anni. Adesso ne ho 150. È la mia uniforme — ha detto la Holmes. Semplifica la vita. Ogni giorno metti su la stessa roba e non devi pensarci, una cosa in meno da fare. Tutta la mia attenzione è sul lavoro. Lo prendo molto seriamente; sono sicura che ciò si riflette anche nel modo in cui mi vesto.

Holmes ha riaffermato questa versione nel documentario HBO The Inventor. Ha infatti affermato «Devo rivelare che indosso magliette dolcevita nere da quando avevo 7 anni».

Se Holmes indossasse davvero i dolcevita dall’infanzia o se li avesse semplicemente adottati da adulto per emulare un certo CEO, non è quindi chiaro. Ma se le persone le credono, allora, si chiede Vanessa Friedman — il fashion critic del New York Times:

La gente potrà guardare ancora con lo stesso sguardo benigno le magliette nere paricollo?

Beh!, ci sono sempre le magliette degli All Blacks, un esemplio preclaro di forza, leadership e stile.

Image for post
Image for post

Written by

Graduated in European history in Florence, he started working in publishing soon after having come across a Mac computer in 1984

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store