Che ben venga la carne in vitro

di Peter Singer

Via agli altri saggi della serie “L’etica pratica di Peter Singer”

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”

Image for post
Image for post
Giovanni Fattori, Cavallo morto, 1903, collezione Taragoni, Genova

Verso un surrogato della carne

Ottanta anni fa, Winston Churchill si auspicava di «evitare assurdità di crescere un pollo intero, solo per mangiarne il petto o l’ala, facendo crescere queste parti separatamente in un ambiente adatto» (da Fifty Years Hence, “The Strand Magazine”, dicembre 1931). Churchill pensava che ci sarebbero voluti 50 anni. Non siamo ancora lì, ma oggi abbiamo aggiunto una pietra miliare alla strada del futuro che Churchill aveva auspicato: la prima degustazione pubblica di carne in vitro.

Lo scienziato dietro questo evento storico è il Mark Post dell’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. L’idea è semplice: prendere un po’ di tessuto muscolare da una mucca e farlo crescere in una soluzione nutritiva. Qui si moltiplicherà e alla fine avremo qualcosa che è veramente carne, cellula dopo cellula. In pratica, però, ci sono molti ostacoli da superare.

Non siamo nemmeno vicini alla produzione di un petto di pollo o di una bistecca. Il primo obiettivo è quello di produrre un hamburger e la degustazione organizzata da Post ha lo scopo di dimostrare che si può fare. L’hamburger sarà costituito da vero tessuto muscolare bovino, ma non è mai stato una parte di una mucca che ha sofferto o emesso metano mentre digeriva il suo cibo.

I produttori di carne dovrebbero far proprio questo programma di lavoro? Alla fine, forse, ma non ancora completamente: il costo per produrre il pezzo di hamburger in vitro supera i 250.000 euro.

La carne in vitro è etica

Tuttavia, una volta che i ricercatori avranno trovato il modo di superare gli ostacoli iniziali, non vi è alcun motivo per cui la carne in vitro non possa essere competitiva nel prezzo con la carne degli animali. La maggior parte della carne venduta oggi proviene da animali nutriti con cereali o soia. Questi alimenti devono essere coltivati e dati agli animali, che usano parte dei nutrienti per produrre ossa o altre parti del corpo che non sono commestibili. Si devono poter ottenere notevoli risparmi passando direttamente dai mangimi alla carne.

Ci sono importanti ragioni etiche per sostituire la carne animale con carne in vitro, se possiamo farlo a costi ragionevoli. Il primo è ridurre la sofferenza degli animali. Proprio come la crudeltà inflitta ai cavalli da lavoro, così commoventemente ritratta in Black Beauty di Anna Sewell, alla fine fu eliminata dall’efficienza del motore a combustione interna, così la quantità enormemente maggiore di sofferenza inflitta a decine di miliardi di animali dall’industria alimentare potrebbe essere eliminata da un modo più efficiente di produrre carne.

Si dovrebbe avere un cuore di pietra per non gioire di un risultato del genere. Ma non deve essere semplicemente una risposta emotiva. Tra i filosofi che discutono dell’etica animale c’è un notevole consenso sul fatto che l’agricoltura industriale viola i principi etici di base che si estendono oltre il confine della nostra stessa specie. Persino un tenace conservatore come Roger Scruton, che difese vigorosamente la caccia alla volpe, ha scritto che un approccio morale al benessere degli animali parte dal presupposto che l’allevamento industriale è sbagliato.

La questione ambientale

La seconda ragione per sostituire la carne animale è ambientale. Mangiare la carne di animali, specialmente dei ruminanti, sta riscaldando il pianeta e contribuendo a un futuro in cui centinaia di milioni di persone diventeranno degli sfollati climatici. Gran parte delle emissioni prodotte dal bestiame è costituito da metano, un gas serra estremamente potente emesso dai ruminanti mentre digeriscono il cibo. La carne in vitro non produrrà il metano. Né produrrà escrementi e, di conseguenza, l’inquinamento prodotto dalle fattorie intensive scomparirà. In questo modo la produzione mondiale di protossido di azoto, un altro potente fattore del cambiamento climatico sarà ridotto di due terzi.

L’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha riconosciuto che le emissioni di gas serra prodotte dal bestiame superano quelle di tutte le forme di trasporto: automobili, camion, aerei e navi. In alcuni calcoli, le emissioni di bestiame nei paesi con una grande popolazione di bovini e ovini valgono la metà delle emissioni totali di gas serra del paese. Se hanno ragione, sostituire il carbone e altri combustibili fossili con fonti di energia pulita non sarà sufficiente. Dobbiamo ridurre il numero di capi di bestiame del pianeta.

Alcuni vegetariani e vegani possono opporsi alla carne in vitro, perché non sentono affatto il bisogno di carne. Per loro va bene così e naturalmente sono liberi di rimanere vegetariani e vegani e scegliere di non mangiare carne in assoluto. La mia opinione è che essere vegetariani o vegani non è un fine a sé, ma un mezzo per ridurre la sofferenza umana e animale e lasciare un pianeta abitabile alle generazioni future. Non ho mangiato carne per 40 anni, ma se la carne in vitro diventa commercialmente disponibile, sarò lieto di assaggiarla.

Written by

Graduated in European history in Florence, he started working in publishing soon after having come across a Mac computer in 1984

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store