Vai agli altri film della serie “I film Pier Paolo Pasolini nella critica del tempo”

Image for post
Image for post
I magnifici costumi di Piero Tosi e gli scenari della Cappadocia, della laguna di Grado e di Campo dei miracoli a Pisa rendono per sé il film di Pasolini un capolavoro.

Sono un vaso pieno di un sapere non mio.

Medea (Maria Callas)

La maga Medea ha aiutato Giasone nella conquista del Vello d’Oro e gli ha dato due figli. Ma Giasone, dopo qualche anno, mostra di volerla lasciare per sposare Glauce, la figlia del re di Corinto. Medea sembra rassegnarsi, in realtà provoca subito dopo, con la magia, la morte della rivale. Poi uccide i suoi figli. Pier Paolo Pasolini ritenta il colpo di Edipo re (cioè la ripresa del vecchio mito come allegoria della realtà odierna). …


Intervista a Heidrun Friese

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”
Vai agli altri articoli della serie “Sostenibilità e nuovi stila di vita”

Image for post
Image for post
Lampedusa, La porta dell’europa

Libro: Heidrun Friese, Limiti dell’ospitalità. I profughi di Lampedusa e la questione europea, goWare, 2020

Titolo originale: Heidrun Friese, Grenzen der Gastfreundschaft. Die Bootsflüchtlinge on Lampedusa und die europäische Frage, transcript Verlag, 2014, transcript Verlag, 2014

Traduzione dal tedesco di Tiziano Tanzini


di Paolo Marcucci

Vai al magazine “La Tavola dei pensieri”
Vai agli altri articoli della serie “Scampoli d’arte e di pensiero”

Image for post
Image for post
Diva, di Juliana Notari, Brasile 2021

La vagina di Bolsonaro

Secondo Ernst Mach[1], per gli psicanalisti la vagina è il mezzo con il quale vedere il mondo, ma forse Juliana Notari, artista brasiliana, pensava di più alla possibile interpretazione di Bolsonaro della battuta di Sophie Kennedy Clark[2], “Mea vulva, mea maxima vulva”.

L’artista ha realizzato una grande scultura a forma di vagina, sul fianco di una collina, presentandola «contro l’odio di Bolsonaro», come un inno alla donna, alla “Diva”, contro le posizioni maschiliste e misogine del governo brasiliano e suscitando ovviamente apprezzamenti da un lato e critiche feroci e volgari dall’altro. …


È il big tech?

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”
Vai agli altri articoli della serie “La società liberale e i suoi nemici”

Image for post
Image for post
Jack Dorsey, capo di Twitter, durante l’audizione al Senato degli Stati Uniti d’America dello scorso ottobre.

Si può cacciare un capo di Stato?

Dopo che Twitter e Facebook hanno bannato in modo permanente Donald Trump, ponendo i sigilli sui suoi account, Kevin Roose, giornalista del “New York Times”, si è rivolto una domanda. Questa: “chi comanda in America?”.

In linea di principio, che un presidente degli Stati Uniti sia buttato fuori dai due più importanti canali di informazione del paese è qualcosa di clamoroso e stupefacente, anche nel territorio della fantapolitica di Designeted Survivor. …


e il rischio della dittatura della maggioranza

Vai agli altri articoli della serie “Grandi pensatori”
Vai agli altri articoli della serie “La società liberale e i suoi nemici”

Image for post
Image for post
Bansky, Devolved parliament, 2009, Collezione privata

John Stuart Mil

John Stuart Mill (1806–1873) è uno degli ultimi grandi rappresentanti della tradizione empirista inglese e uno dei «rinnovatori» del liberalismo. Nato a Londra dal filosofo James Mill, fu dal padre educato alle idee utilitaristiche di Bentham e degli economisti inglesi.

Fu funzionario della Compagnia delle Indie e deputato.

Stuart Mill raccoglie la tradizione del liberalismo inglese in un’età che già registra le prime grandi e strutturali alterazioni dell’«armonia» e regolarità della società privatistica. …


di Bruno Bettelheim

Vai agli altri articoli della serie “Grandi pensatori”

Image for post
Image for post

Non sono stato indotto a parlare diffusamente del film Pasqualino settebellezze dall’opera in sé, quanto dal favore quasi universale con cui fu accolto in questo paese e da ciò che questo può dirci sulle nostre reazioni, oggi, di fronte al problema della sopravvivenza ai campi di concentramento. Nello stesso senso mi era parso importante, diciotto anni fa, analizzare Il diario di Anna Frank per quello che, il modo come fu accolto, rivelava allora sulle reazioni del pubblico allo sterminio degli ebrei d’Europa.


di Paolo Marcucci

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”
Vai al magazine “La Tavola dei pensieri”

Image for post
Image for post
La facciata della sede storica della Scuola Normale Superiore, Pisa.

Quel giorno del 1954…

Quando nel 1954, in una mattina d’inverno toscano, Lorenzo Milani sale per la prima volta la strada sconnessa, impervia e solitaria che porta a Barbiana, la Normale ha già 144 anni.

Risale infatti al 18 ottobre 1810, Il decreto napoleonico relativo agli “stabilimenti di istruzione pubblica” in Toscana, diventata provincia dell’impero francese nel 1807, che “stabilisce l’istituzione a Pisa di un “Pensionato accademico” per gli studenti universitari. …


Vai agli altri film della serie “I film Pier Paolo Pasolini nella critica del tempo”

Image for post
Image for post
Pier Paolo Pasolini e Marco Ferreri sul set di Porcile. Ferrero compare nell’episodio girato alla Villa Pisani di Stra nei dintorni di Padova

Il contenuto politico implicito del film è una disperata sfiducia in tutte le società storiche. Dunque anarchia apocalittica. Essendo così atroce e terribile il «senso» del film, non potevo che trattarlo: a) con distacco, quasi contemplativo; b) con umorismo”.

Pier Paolo Pasolini


di Gabriele Coltro

Vai alla lista della serie “Documenti storici”

Image for post
Image for post
Una istantanea tratta dal film “Apocalypse Now” che ritrae il colonello maledetto Kurtz, interpretato da Marlon Brando, che incarna la deriva mentale dell’uomo civile di fronte alla atrocità della guerra,

la storia non ha nascondigli
la storia non passa la mano
la storia siamo noi
siamo noi questo piatto di grano.

Francesco De Gregori

I conti con la storia

I 20 mesi della Repubblica sociale italiana di Salò sono stati una sorta di prosecuzione della guerra civile spagnola fuori dai confini della penisola iberica. Stessa irriducibile contrapposizione tra le parti, stesso anelito all’annichilimento dell’avversario, analoghe, purtroppo, le atrocità. Non è che in Italia si siano raggiunti i picchi di crudeltà dell’esperienza spagnola. Senza per forza dover mettere le due parti sullo stesso piano, anche in Italia ci sono stati gli omicidi vendicativi, le esecuzioni sommarie, i rastrellamenti dei civili, i saccheggi e pure le torture. Prima di Salò gli italiani non si erano più armati gli uni contro gli altri da quasi mezzo millennio. …


di Paolo Marcucci

Vai agli altri articoli della serie “Tendenze attuali”
Vai al magazine “La Tavola dei pensieri”

Image for post
Image for post

Il mercato del sesso

Nell’economia di mercato, la legge della domanda e dell’offerta ci dice che il prezzo di ogni bene e servizio si modifica in modo da arrivare all’equilibrio. Quando l’offerta supera la domanda, i prezzi scendono e viceversa nel caso opposto.

Se da tempo è stato coniato il termine anoressia sessuale, che si potrebbe intendere come lo scarso interesse verso le pratiche operative di attività sessuali, è molto probabile che nel confronto tra domanda e offerta di questo settore, qualcosa non abbia funzionato bene.

Dal lato del mercato del sesso, ci racconta Marzio Barbagli[1], in tutto l’occidente nel corso del Novecento, e soprattutto nella seconda parte del secolo, si è avuta una diminuzione. …

About

Mario Mancini

Graduated in European history in Florence, he started working in publishing soon after having come across a Mac computer in 1984

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store